mattruffoni

Sito personale ad uso scolastico e di ricerca

Parco NoBullis

Progetto di attività videoludica di apprendimento
per contrastare il cyberbullismo

L’attività Parco NoBullis viene proposta come esempio che permette l’integrazione di videogioco ed apprendimento utilizzando software opensource: Minetest, mediawiki (Wikipedia e Vikidia), mods di Minetest (Wikpedia, Vikidia, Wiki, presentations), i libri di Minetest, i cartelli di Minetest.

Blocchi wiki

Minetest,  è un gioco adatto agli adolescenti. Nel mondo virtuale di Minetest gli studenti possono costruire case ed edifici, impianti di illuminazione, circuiti elettrici ed elettronici, programmare robot e molto altro ancora. E’ una versione opensource di Minecraft.

Un server sul quale giocare è messo a disposizione dal  progetto didasharing, ma non è difficile allestire un server minetest che non necessita di grandi risorse. Una volta installato il server si devono aggiungere gli utenti e gestirli, per questo si può utilizzare la mod Whitelist.

Il fatto di poter accedere al server con utente e password può essere spunto per una prima riflessione sul fatto di avere una identità digitale diversa da quella reale e sull’importanza di controllare i dati personali che si condividono in rete.

Grazie al server Minetest, nel mio caso installato su didasharing sarà possibile sviluppare una attività in realtà virtuale in modalità learning by doing. Gli allievi parteciperanno alla costruzione ed allestimento del Parco NoBullis sul server Minetest. 

Partecipare al gioco e costruire il parco incentiverà gli studenti:

  • ad assumere comportamenti adatti alla convivenza nel mondo virtuale condiviso
  • a collaborare
  • a relazionarsi con gli altri in rete
  • a progettare e realizzare i propri progetti
  • a documentare attraverso gli strumenti a disposizione

La costruzione del parco, ovviamente strettamente collegata al contrasto al cyberbullismo, sarà occasione per

  • analizzare situazioni accadute
  • rendersi conto di quali possono essere i rischi in rete, e nel videogioco online che della rete è buon esempio
  • conoscere e di conseguenza riconoscere le situazioni di e le azioni comportanti bullismo e cyberbullismo
  • studiare azioni di contrasto al cyberbullismo.

Gli edifici e le installazioni del parco conterranno: cartelli, librerie con libri, blocchi collegati a Vikidia scritti dagli studenti, presentazioni e immagini, e blocchi collegati a Wikipedia, per poter fare ricerche. Gli allievi si coordineranno confrontandosi dal vivo con la chat, e contribuiranno anche sulla wiki interna.

Un esempio di possibile realizzazione visto da sopra

Nel parco, ad esempio, possono trovare posto diversi luoghi:

  • il muro delle esperienze, cosa è accaduto o può accadere
    (cartelli e immagini di minetest e wiki interna)
  • vicino ci sarà l’albero con i libri delle emozioni
    (cartelli e libri)
  • la mappa delle app di internet: whatsapp, telegram, tiktok, Instagram
    (cartelli collegati a Vikdia, Wikipedia, immagini)
  • il museo del cyberbullismo, quali sono i tipi di cyberbullismo
    (cartelli e blocchi collegati a Vikidia e Wikipedia)
  • l’osservatorio sul cyberbullismo, dove vengono riportati esempi
    (cartelli, immagini e blocchi collegati a Vikidia e Wikipedia)
  • l’istituto delle azioni e dei comportamenti per contrastare il fenomeno
    (pagine della wiki interna)
  • la sala della legge, cenni a quali sono le leggi che regolano la navigazione in rete e permettono il contrasto al cyberbullismo
    (collegamenti a blocchi Vikidia e Wikipedia)
  • i cartelli ed i libri di registrazione dei visitatori
    (libri, cartelli e wiki interna)
  • il pozzo bibliografico
    (contenente librerie e libri nei quali ci sono i riferimenti bibliografici)

Su wikibooks alla voce Software libero a scuola, sezione Giochi educativi sono presenti guide e link a videotutorial adatti per apprendere come partecipare al lavoro su Minetest, in molti casi le guide sono già collegate con link nel testo.

Possibile svolgimento

  • Ora 1: verrà introdotto l’argomento cyberbullismo anche facendo riferimento alle modalità di gioco sui server, verrà presentato il progetto del parco ed individuate le zona da costruire, le voci wiki e i cartelli da scrivere, verranno date alcune istruzioni tecniche
  • Ora 2: si comincia la costruzione del parco e la scrittura delle voci mancanti 
  • Ora 3: briefing sulle attività svolte in asincrono e rifinitura dei lavori
  • Ora 4: ultima mezz’ora cerchio finale di raccordo e collegamento delle attività svolte il parco NoBullis sarà un’opera cocostruita da tutti i ragazzi partecipanti

Per genitori ed insegnanti verrà svolto un incontro di due ore per ciascuna componente. Nell’incontro si farà una veloce infarinatura tecnica, e si procederà ad una rapida restituzione delle informazioni raccolte negli incontri con gli studenti. Si procederà poi ad una  visita al parco NoBullis, che sarà sfruttata come traccia e che permetterà di confrontarsi su le norme e il loro rispetto, i comportamenti dei ragazzi nel gioco ed in generale in rete, la consapevolezza condivisa rispetto alla capacità di cogliere segnali di bullismo e di intraprendere azioni adeguate a contrastarlo.

Alla fine della visita i partecipanti saranno invitati a lasciare una loro traccia scrivendo qualche riga su un libro che registri le impressioni che hanno avuto nella visita al parco.

Gli incontri si concluderanno con approfondimenti sulle norme, sulle tipologie di cyberbullismo, sul modo di riconoscerlo e di contrastarlo.

Ulteriori sviluppi ed approfondimenti

Su didasharing.it è installato anche buddypress un social completamente controllato dagli amministratori nel quale interagire con gli stessi utenti di minetest.

Con Buddypress si può creare un social locale ad accessi controllati, cosa che permette agli allievi di sperimentare le interazioni tipiche della rete, se iscritti in un numero adeguato, dentro un contesto protetto.

Attraverso interventi mirati è possibile poi cercare di consapevolizzarli sulle risorse della rete ed anche sui rischi presenti.

Osservazioni

La cocostruzione del parco NoBullis può favorire la nascita di una rete di relazioni positive tra gli studenti cosa che può naturalmente fungere da contrasto all’attecchimento di fenomeni di bullismo e di cyberbullismo.

Il parco NoBullis resterà di fatto un’opera pubblica ed incompiuta, sarà quindi possibile visitarlo per apprendere ed eventualmente riprendere la sua costruzione per approfondire le conoscenze o ampliarne i contenuti. anche le voci su Vikidia, che resteranno pubbliche, potranno essere ampliate e migliorate.

Tutto il lavoro prodotto inoltre risulterà essere pubblicato con licenze libere (CC-BY-SA) e quindi facilmente e legalmente riutilizzabile.

Obiettivi

Gli obiettivi da raggiungere 

  • Imparare a gestire la propria identità digitale online gestendo la pubblicazione delle proprie informazioni. 
  • Imparare le basi della netiquette e della comunicazione educata e collaborativa in rete.
  • Imparare a riconoscere azioni di bullismo e di cyberbullismo, nonché altre azioni malevole.
  • Imparare alcune norme di comportamento adatte a contrastare le azioni di cyberbullismo.
  • Cominciare a diventare consapevoli  e responsabili delle proprie azioni in rete.
  • Imparare a riconoscere situazioni e a rispettare alcune regole di comportamento in rete al fine di non partecipare, anche inconsapevolmente, ad azioni di bullismo.
  • Condividere comportamenti ed azioni da tenere per contrastare e/o risolvere eventuali casi di cyberbullismo

Comunità educante

E’ importante che un progetto simile che prevede attività online da parte degli studenti, anche e soprattutto da casa, possa in qualche modo essere condiviso a priori con genitori, associazioni che si occupano dei giovani, biblioteche.

Ed è anche possibile che tra genitori ed operatori delle istituzioni o delle associazioni si trovino poi delle risorse che possono coadiuvare nello svolgimento del progetto. E’ comunque da tenere presente l’importanza di far crescere la consapevolezza rispetto al cyberbullismo anche tra genitori, insegnanti ed operatori.

Inoltre associazioni ed istituzioni, come una biblioteca, possono mettere a disposizione attività di sportello sia dal punto di vista tecnico, che relazionale ed in alcuni casi anche di vero e proprio supporto. Inoltre presso biblioteche o sedi di associazioni se dotate di postazioni connesse alla rete possono eventualmente svolgersi veri e propri incontri tra studenti per partecipare alla costruzione.

Attività in dettaglio

Attività in vikidia

Se non già utenti una guida per insegnanti ed una per studenti possono aiutare a conoscere meglio la piattaforma. Poi una volta creati gli utenti il lavoro degli studenti può essere guidato utilizzando i portali ad esempio quello di sociologia, e quindi procedere nella creazione di voci.

Attività nella wiki di minetest

La scrittura di voci nella wiki di Minetest è molto più libera e permette di creare voci anche di interesse solo locale. Facendo sempre attenzione a rispettare la privacy delle persone.

Note

Ringrazio Salahzar Stenvaag di edu3d per il grande aiuto datomi sia sviluppando le mod Vikidia e Wikipedia che guidandomi nelle impostazioni del server Minetest

Tutto il contenuto di questa pagina è pubblicato in cc-by-sa

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/d/d0/CC-BY-SA_icon.svg/320px-CC-BY-SA_icon.svg.png

© 2022 mattruffoni

Theme by Anders Norén

Licenza Creative Commons
Tutti i contenuti di questo sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale, a meno che non sia espressamente indicato diversamente..